Biglietto Cumulativo Villa Reale di Monza - Appartamenti Reale e Privati

Scopri la residenza privata dai reali Austriaci e Palazzo Reale italiano in epoca Napoleonica, in uso fino ai tempi dei Savoia.
Biglietto Cumulativo Villa Reale di Monza - Appartamenti Reale e Privati
Da 6.00

Tre piani pieni di storia!

Organizzazione Tecnica TicketOne Sistemi Culturali Srl
Provided by TicketOne Sistemi Culturali Srl

Panoramica

Visita accompagnata con audioguida agli Appartamenti Reali della Villa Reale di Monza, con arredi delle stanze personali degli ultimi sovrani residenti: Umberto I, figlio di Vittorio Emanuele II, e sua moglie la Margherita di Savoia, la "prima Regina d'Italia", seguita dalla visita in autonomia agli appartamenti privati al secondo piano nobile ed il Belvedere.

 

Orari d'apertura:

  • martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica, dalle 10:00 alle 19:00
  • venerdì dalle 10:00 alle 22:00

La biglietteria chiude un'ora prima.

 

La prenotazione deve essere richiesta con almeno 1 giorno lavorativo di anticipo per i singoli visitatori, ed almeno 15 giorni per gruppi sopra le 15 persone.

Risparmia tempo nell'ordinare! Aggiungi al tuo basket tutti i biglietti che vuoi, poi riempi il modulo d'ordine e invia la richiesta. Prima di effettuare l'ordine leggi le Informazioni sull'ordine.

IMPORTANTE: Dopo aver completato con successo una prenotazione, riceverete due e- mails: la copia del vostro ordine (immediatamente dopo averlo fatto) e la mail di conferma (un giorno lavorativo dopo). Per poter ricevere queste due mail, vi preghiamo di accertarvi di inserire correttamente il vostro indirizzo di posta elettronica e controllare che i filtri anti-spam o antivirus non blocchino le mail dal nostro indirizzo help@web95.it . Attenzione speciale da parte degli utenti di AOL, Comcast e Sbcglobal.net. I voucher saranno anche disponibili, un giorno lavorativo dopo la richiesta, alla pagina: http://www.weekendinitaly.com/get_vouchers2.php

ATTENZIONE: se l'orario richiesto è esaurito, il museo confermerà automaticamente l'orario disponibile più vicino a quello richiesto (qualsiasi orario), nella stessa data.

Politica di cancellazione:

Per cancellazioni ricevute una volta assegnato il codice di conferma, e per no show, possiamo rimborsare il costo di biglietti non utilizzati meno il costo del servizio (prevendita e prenotazione online).

 

Come arrivare:

> Navetta gratuita: identificata da un cartello dedicato, dalla stazione ferroviaria di Monza (sabato e domenica), con partenze dalla Stazione FS di Monza, in via Turati e dall’ingresso pedonale dal cancello dell’Avancorte, sul fronte della Villa Reale. Orari:

  • dalla stazione alla Villa: 10:00, 11:30 e 14:30
  • dalla Villa alla stazione: 14:00, 16:30 e 18:00

> Autobus : linee Z221 e Z208

> Treno: stazione Monza FS, distante circa 2 km (circa 25 minuti a piedi)

> In macchina: da Milano, Como, Varese o Lecco, seguire indicazioni per Monza – Villa Reale. Parcheggi di Viale Regina Margherita, Via Petrarca e Viale Cavriga (Parco di Monza).

Dettagli

La Villa Reale

La Villa è stata costruita per volontà dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria tra il 1777 e il 1780 come residenza estiva per il figlio Ferdinando d’Asburgo, governatore generale della Lombardia austriaca. Fu usata dall’arciduca come propria residenza di campagna fino all’arrivo delle armate napoleoniche nel 1796.

Con l’incoronazione di Napoleone nel 1805, la Villa divenne residenza del figliastro Eugenio di Beauharnais, per ritornare in mani austriache dopo la caduta di Napoleone fino al 1818, quando ne entrò in possesso il viceré del Lombardo-Veneto Giuseppe Ranieri. Occupato nel 1848 dai militari di Radetzky, tra il 1857 e il 1859 il palazzo tornò a essere sede di una corte sfarzosa durante il breve soggiorno monzese dell’ultimo rappresentante della casa d’Austria, Massimiliano I d’Asburgo, fratello di Francesco Giuseppe.

Quando il Lombardo-Veneto venne annesso allo Stato del Piemonte, la Villa diventò residenza privilegiata di Umberto I, chi fu qui assassinato nel 1900. Questo eventò ne causò la chiusura ed il trasferimento al Quirinale gran parte degli arredi e la donazione nel 1934 della Villa ai Comuni di Monza e di Milano.

I lavori di restauro sono iniziati nel 2003, dalle nove sale di rappresentanza del primo piano nobile, con l’apertura straordinaria al pubblico nel 2007. A luglio 2008 fu siglato un accordo per per il restauro e la successiva valorizzazione culturale della Villa Reale e del Parco di Monza inprevisione di Expo 2015, per destinare l’intero complesso monumentale a finalità culturali e di alta rappresentanza istituzionale; i lavori sono stati completati il 26 giugno 2014.

 

Il piano primo nobile

La visita vera e propria inizia al piano primo nobile, dove si trovano le sale di rappresentanza della famiglia reale. Di spicco è la sala da ballo, l’unico salone a doppia altezza della Villa, con decorazioni sulle volte e sulle pareti, specchiature a finto marmo, ricchi lampadari e pavimento in seminato veneziano.

 

Il piano secondo nobile

Gli Appartamenti privati degli ospiti e quelli dei sovrani rappresentano gli ambienti più significativi del piano secondo nobile. A queste sale si accede dallo scalone d’onore, un trionfo di marmi con due grandi lampioni in bronzo e ferro dorato con i simboli di casa Savoia (il nodo e il motto Fert).

Il visitatore ha modo di visitare quindi l’appartamento degli imperatori di Germania, con la particolarità del pavimento a forme geometriche speculari a quelle del soffitto; l’appartamento del principe di Napoli, con l’armadiatura in legno coronata da vasi e ghirlande floreali scolpite che rappresenta l’unico arredo fisso degli appartamenti del secondo piano; l’appartamento della duchessa di Genova, in cui spicca la porzione di volta del Piermarini con l’apertura della “camino di luce” che permetteva l’ingresso della luce dal piano Belvedere.

Gli Appartamenti privati dei sovrani, invece, sono il risultato, nella sua veste attuale, dell’intervento operato alla fine dell’800 dall’architetto di corte Achille Majnoni d’Intignano, che adeguò al gusto dell’epoca tutti gli ambienti collocati a destra del salone centrale, da sempre destinati a tale funzione. Dell’Appartamento di Umberto I fanno parte la sala, lo studio, la camera, la sala da bagno, il guardaroba e l’armeria. Nell’Appartamento della Regina Margherita vanno citati il salotto, la camera da letto, il gabinetto, il guardaroba.

 

Il Belvedere

La visita si conclude all’ultimo piano, con la vista emozionante sul magnifico parco, da cui l’appellativo di Belvedere. Da segnalare gli appartamenti della servitù, con i suoi soffitti bassi e gli ambienti semplici, destinati alla servitù che si occupava degli ospiti.

Prezzi

Biglietti:

Intero

Ridotto #1:

  • gruppi (minimo 15 persone)
  • titolari di apposite convenzioni

Ridotto #2:

  • scolaresche
  • ragazzi da 7 a 18 anni

Gratuito:

  • minori di 6 anni
  • disabili e un accompagnatore
  • tesserati ICOM
  • giornalisti con tesserino
  • guide turistiche
  • due insegnanti per scolaresca
  • 1 accompagnatore per gruppo di adulti

Il costo del servizio ed il costo dell'eventuale mostra saranno dovuti anche per riduzioni, gratuità e giornate di gratuità. Preghiamo notare che all'ingresso del museo verrà richiesto un documento d'identità che giustifichi il motivo della riduzione.

Commenti

ATTENZIONE: L'ingresso al sito prenotato è vietato senza la presentazione del voucher o biglietto. La presentazione della copia dell'ordine non dà diritto all'ingresso. Non sono previste eccezioni a questa regola.

Waf.it e Weekendafirenze.com sono marchi registrati da Weekend a Firenze Srl presso la Camera di Commercio di Firenze, autorizzazione n. 0469879 - cap. soc. € 61.200,00 - Copyright © 1995 - 2017 by Weekend a Firenze ® s.r.l. - Via Pistoiese 132, 59100 Prato (ITALY) - Fax +39-0574-401744 - p. IVA 02180560480 - Tutti i diritti riservati - Informazioni

Powered by Web95

Inserire le parole da cercare sul sito